Benvenuti nel sito dei

MUSEI SICILIANI DELL'EMIGRAZIONE

mostre

sicilian

Sicilian Crossing, storia per immagini delle migrazioni siciliane

La mostra “Sicilian Crossings to America and Derived Communities”, realizzata dalla rete “I musei siciliani dell’emigrazione”, è organizzata e diretta dal Professore Marcello Saija, dell’Università di Messina – Dipartimento di Studi Internazionali e Comunitari sintetizza in un suggestivo percorso iconografico il frutto di anni di lavoro e di ricerca sulla storia dell’emigrazione siciliana.

La mostra, per la prima volta, è stata inaugurata il 3 novembre 2007 a New York, nel Museo dell’Immigrazione di Ellis Island. Successivamente è stata esposta a Boston, alla Public Library, a Long Island (New York),  al Wang Center della Stony Brook State University, a Newark,  nello Stato del New Jersey, a Miami alla St. Thomas University, a Norwich al Parish Center della Chiesa di San Bartolomeo e a Ragusa, al Castello di Donnafugata. L’Anfe l’ha ospitata, nell’ambito del convegno “Memorie del Futuro”, nella ex-chiesa di San Mattia dei Crociferi, a Palermo, nel novembre del 2008.

“Sicilian Crossings” esamina in modo analitico le cause dell’emigrazione interne, connesse alle condizioni economiche dell’Isola tra l’800 e il ‘900; e quelle esterne, legate alla pressione economica di agenti dell’emigrazione e compagnie di navigazione. Nei pannelli è descritto il processo decisionale che spinge l’emigrante a partire e le persone che giocano un ruolo sulla sua decisione.

Una parte della mostra è dedicata alle Little Italies che in America accolgono i siciliani e alle società di Mutuo Soccorso che hanno un ruolo particolarmente importante nei processi di integrazione sociale ed economica nel “nuovo mondo”.

Statuto

In questa sezione del sito trovate lo Statuto dell’Associazione ” RETE DEI MUSEI SICILIANI DELL’EMIGRAZIONE”

Magistro Family Foundation

La Magistro Family Foundation

Contatti

Per qualsiasi informazione riguardante la rete dei Musei Siciliani dell’Emigrazione non esitate a contattarci

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio